Santorini

Dal 14 al 22 Settembre 2016
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI
CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI
A rispondere alla domanda: "Vuoi che l'anno prossimo visitiamo un'altra isola greca o torniamo a Santorini?", non mi è servito il tempo per riflettere. Lui ha atteso di più al nostro matrimonio per sentire il mio "Sì" quando l'ufficiale del comune mi ha chiesto "Vuoi sposare...". Sì, voglio tornare a Santorini. Non ho mai visitato nessuna isola greca. Santa Irini, il nome veneziano, mi ha conquistata.

Isola di Santorini vista dall'aereo

Il top del meglio quello che offre Santorini, è senz'altro la vista dal bordo della caldera. Il costo della vista è molto alto, gli alloggi con vista costano tanto. La maggior parte delle sistemazioni sono di grande lusso e non è facile trovare una camera più modesta e meno costosa. Se potete permettervelo, fatelo! Sono stata sette giorni a Sensyo Hous da Elvira a Firostefani e per sette giorni ho goduto di una vista spettacolare. Tutte le sere ammiravo il tramonto dal terrazzo in santa pace, lontano dalla folla. Firostefani è distante da Fira solo dieci minuti di cammino ed è un ottimo punto per esplorare l'isola usando gli autobus locali.

Nostro alloggio a Firostefani   Tramonto dal nostro terrazzo   Isola Thirasia vista dal nostro terazzo   Fuochi d'artificio a Firostefani

Da Fira partono i pullman che collegano quasi tutti i luoghi d'interesse turistico. Il trasporto è economico e ben organizzato, nonostante l'impressione caotica del capolinea. I biglietti si comprano sul pullman e per salire su quello giusto autobus giusto basta ascoltare il conducente che urla ad alta voce la destinazione.Sull'isola sono molto diffusi anche altri mezzi molto comodi per lo spostamento: i quad ed i motorini. Anche noi un giorno ci siamo divertiti con un quad, perdendoci spesso nella zona centrale del isola. Quella parte non è segnalata bene e ci sono anche le strade in costruzione, ma è bello anche perdersi ogni tanto e vagare senza sapere il punto d'arrivo.

Un turista francese che abbiamo incontrato camminando verso Oia purtroppo non poteva continuare il cammino con noi. Il pover'uomo è sbarcato dalla nave e per tornarci in tempo non poteva andare oltre ad un certo punto preciso ben calcolato. In crociera, d'altronde, funziona così: puoi perderti sulla nave, ma quando scendi devi guardare l'orologio. Una vacanza così non la potrei fare. Sembra che anche mio marito abbia cambiato idea dopo aver visto una lunga coda di passeggeri che aspettava la funivia per scendere e riprendere il viaggio.

Navi da crociera nella baia di Snatorini   Asino è l'animale simbolo di Santorini

Camminare da Fira a Oìa sul bordo del cratere è un esperienza meravigliosa che tanti fanno. Non è particolarmente faticoso e le 3-4 ore per percorrere 12 chilometri guardando lo spettacolo della natura e non solo, passano in un attimo. Il mio consiglio è di portare l'acqua, la crema solare e il capellino e lasciare l'orologio a casa. Devo dire che l'incontro con il francese mi è rimasto impresso. Ho ringraziato Santa Irina di non essere al suo posto.

Ritratto con Oia sullo sfondo   Una delle numerose scalinate a Fira   Una piscina nella cittadina di Imerovigli   Paesaggio della parte nord di Santorini

Il tramonto a Oia è uno spettacolo noto e ne è valsa la pena ad aspettarlo. Il porticciolo di Ammoùdi sotto il Castello Lòndsa, punto panoramico per ammirare il tramonto, è un posto bellissimo. Anche se sono circa 300 gradini da fare per arrivare al mare, dopo una lunga camminata fare il bagno nell'acqua cristallina di color turchese tra le barche dei pescatori è stato un momento indimenticabile. Tuttavia la cittadina d'Oia, tutta bianca, vista in cima della parete rossa era per me uno spettacolo più grande del tramonto. Mentre noi stavamo ancora giù a prendere il sole, la gente su aveva già iniziato a prendere posizione da dove scattare le foto del tramonto. Vedere migliaia di persone arrampicate sui muri, gradini, tetti, spalle... è stato spettacolare. L'applauso finale al sole per la performance apprezzata e gratuita mi è piaciuto assai. Ha ragione quello che ha detto che le cose più belle sono gratis!

Vista su Oia dal porto   Scalinata di Oia porta al porto   Gruppo delle persone che fotografa tramonto di Oia   Oia è il secondo paese dell'isola   Il famoso tramonto di Oia; molti dicone che sia il più bello del mondo.

A proposito, la gita in barca con il bagno nell'acqua calda dell'isola Paléa Kaméni mi ha delusa. L'acqua non era molto calda, mi aspettavo una temperatura di almeno 30 gradi come ho letto da qualche parte. Nuotare un quarto d'ora nell'acqua brunastra insieme a tanta gente non mi ha entusiasmato. Anche la passeggiata sul vulcano Néa Kaméni, a parte la bella vista, non è stata una novità in quanto ho già avuto un' esperienza molto intensa dei vulcani ancora attivi sulle isole Eolie.

La nave con la quale siamo andati a Néa Kaméni   Paesaggio lunare di vulcano Néa Kaméni

Il bagno l'abbiamo fatto tutti i giorni in diversi posti e di breve durata. Non pensavamo di trascorrere le giornate in spiaggia; d'altronde Santorini non è famosa per le sue spiagge. Prima di partire mi sono informata; volevo vedere almeno quelle più belle. Una, la Spiaggia Bianca, mi è rimasta per la prossima volta. Sicuramente è la più bella. E' raggiungibile solo con la barca e di barche non ce n'erano. Probabilmente a causa di poche richieste a fine settembre. Per farla breve ecco la mia classifica delle spiagge: Vlichàda beach che andando più avanti diventa Eros Beach, Red beach, Perìssa e l'ultima, la più conosciuta e la più grande, Kàmari.

Vlichàda brach è una delle più belle spiagge di Santorini   Spiaggia rossa si trova vicino al museo archeologico di Akrotiri   La spiaggia che mi è piacita di più è quella di Perissa   Spiaggia di Kamari con la sabbia nera

A Vlichàda oltre una splendida spiaggia c'è un museo molto interessante, Tomato Industrial Musem, il museo del pomodoro. Assolutamente da visitare per conoscere e capire meglio l'isola. Trasformare una fabbrica in un museo come testimonianza della vita dura e molto povera degli isolani è stata un'ottima idea. Il complesso d'edifici circostanti è molto curato con le gallerie d'arte, un negozio con i gadgets creati dagli stilisti greci oltre ai prodotti derivati dal pomodoro. Al bar ho bevuto un ottimo succo di pomodoro e la ragazza al bar era molto soddisfatta del mio entusiasmo per questo luogo.

Bellissimo porto rotondo di Vlichàda   Museo del pomodoro è un posto da visitare   Succo di pomodoro locale   Ciminiera della ex fabbrica

Bello di Santorini è che nonostante sia un posto molto turistico ha conservato ancora qualche angolo non toccato dalle masse. Due paesini dove il tempo si è fermato sono Vourvoulos a nord di Fira, e l'altro Vothonas a sud, entrambi nell'entroterra. Il giorno che abbiamo noleggiato il quad abbiamo deciso di visitarli, ma siamo riusciti ad arrivare solo a Vourvoulos. All'inizio del mio racconto ho parlato di questa difficoltà e mi riferivo proprio a questo caso.

Autoritratto in movimento   Il nostro quad per un giorno

Quel giorno purtroppo abbiamo dovuto rinunciare, smettere la ricerca del villaggio Vothonas. Siamo andati al Faro, estrema punta occidentale dell'isola, non raggiungibile con pullman. Al ritorno a Fira ci siamo fermati a Megalochori, a cui nome significa il grande villaggio. Là abbiamo incontrato la prima delle numerose coppie incontrate sull'isola, che vengono qui a sposarsi. Era una bella coppia americana e non ho resistito a fargli la foto sotto il campanile con tre ordini di arcate. A Megalochori ci sono anche altre belle cose da vedere e da fare.

Faro di Akrotiri   Ritratto sul mare   Palma a Megalochori   Sposi americani   Nel centro di Megalochori c'è questo bello campanile

Il giorno seguente visitando Pigros e il suo borgo fortificato in cima a un'altura di 350 metri, abbiamo visto le indicazioni per diversi percorsi a piedi e uno di quelli indicava Vothonas. Peccato che arrivati in cima la segnalazione non c'era più. La vista era splendida e il villaggio che cercavamo era sotto di noi da qualche parte. Scendendo sulla strada asfaltata che andava in direzione Messaria mio marito si è accorto di un sentiero in mezzo ai vigneti. Secondo lui avrebbe dovuto condurci a Vothonas. Passeggiata sulla terra in stato brado è stata l'esperienza unica che mi ha emozionato. Ogni tanto raccoglievo un chicco d'uva, sorridevo e annusavo gli odori che mi avvolgevano. In fondo dello stretto passaggio siamo sbucati in un canyon. Abbiamo trovato le case scavate nelle pareti, famose case grotta, quasi tutte abbandonate. Cosa dire, un incanto! Fine della lunga ricerca si è conclusa: eravamo a Vothonas.

Voglio concludere il mio racconto con uno sguardo all'offerta gastronomica. Non avevo dubbi che ci sono degli ottimi ristoranti, ma dubitavo di mangiare bene spendendo relativamente poco. Invece, non è stato così; abbiamo mangiato molto bene senza spendere tanto. Ci sono delle soluzioni per tutte le tasche: dagli ottimi fast food e negozi alimentari come le panetterie dove prendere le brioche per la collazione e anche il caffè espresso con 1 euro, alle taverne greche e ristoranti di alto livello. Posso raccomandare queste taverne tipiche, economiche e molto accoglienti:

  • Nàoussa, centro di Fira, a 100 metri dalla nuova cattedrale ortodossa.
  • Kyrà Nìki a Fira, sulla strada per l'aeroporto.
  • Pirouni a Firostefani.
  • Messa Pigadia, in spiaggia.
  • Ta Delfinia, in spiaggia, sulla strada da Akrotiri a Red Beach.
  • Alkyona a Oia, passando sulla via principale nella zona pedonale, indicazione per il ristorante situato sulla strada dove passa il pullman. Ad Alkyona dopo il pasto abbiamo bevuto il nostro primo bicchiere di ouzo e abbiamo imparato come si brinda in greco: Jamas!

Taverna Kyrà Nìki a Fira   Taverna Ta Delfinia sulla spiaggia   Anche il ristorante Ta Delfinia su trova sulla spiaggia   Taverna Alkyona a Oia

SANTORINI