Bangkok

Dal 15 al 17 Febbraio 2014
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
Angkor
Koh Rong Sanleum
Le città
Bangkok
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Finiamo con l'inizio del nostro viaggio. Visto che la strada per Cambogia quasi obbligatoriamente passa per Bangkok, si è deciso di pernottare due notti ed esaminare la città, una delle più importanti dell'Indocina. Siamo arrivati a Bangkok da Dubai, in business class. All'imbarco ci hanno scambiato i boarding pass senza dirci perché (non ci siamo lamentati), regalandoci quest'esperienza di lusso; non abbiamo viaggiato mai in prima classe su un aereo. L'unica spiegazione dell'avvenuto che siamo riusciti a darci è che quel giorno era San Valentino, nell'aereo c'erano due posti liberi, di quelli buoni, e noi eravamo la coppia più simpatica a bordo.

Siamo atterrati a Bangkok alle 8 di mattino e abbiamo preso il treno per il centro, vedendo così anche la periferia di questa megalopolis. Il treno entra in centro su una sopraelevata a due livelli e per scendere al livello della strada c'è un dislivello da affrontare di oltre 30 m. Una soluzione architettonica orrenda. All'uscita dal treno ci aspettavano circa 30 gradi ed un'afa alla milanese; addirittura c'erano anche due gocce di pioggia. Andando con tuk-tuk verso il nostro hotel siamo passati in una zona piena di barricate costruite dai dimostranti con i sacchi di sabbia. Le abbiamo viste anche di notte in un'altra zona della città.

Barricate a Bangkok Hotel Lamphu Tree

Erano circa le 10 di mattina quando siamo arrivati in albergo "Lamphu Tree"; molto carino, situato accanto ad un canale, con uno spazio quasi aperto della ricezione e del ristorante, con tanto verde, una piccola piscina e una bella sorpresa; la camera era già a nostra disposizione. Una dormitina, visto il fuso orario di 6 ore (in Italia erano le 4 di mattina), ci voleva. A mezzogiorno eravamo già in giro e la prima metà era un piccolo tempio all'interno del quale si trova il Lakmuong, un posto dove vengono tanti devoti a portare i doni, prevalentemente i fiori, ed esprimere i desideri, prevalentemente economici, da quello che abbiamo sentito.

Un tempio Altare dove si esprimono i desideri

La giornata era calda ed afosa e abbiamo deciso di non strafare, vista anche la stanchezza dovuta al viaggio. Pertanto si è fatto un giro sul fiume con una barca e siamo finiti a Wat Arun, il Tempio dell'Alba, molto suggestivo. Dalla cima della pagoda centrale si ha una stupenda vista sulla città di Bangkok.

Battelli che trasportano i viaggiatori sul fiume Vista su Wat Arun Dettaglio della torre principale Panorama della città

Il ritorno in albergo per un rinfresco e un breve riposino. Visto che abbiamo saltato il pranzo, abbiamo deciso di fare una bella cena nel ristorante "You & Me". Nelle vicinanze c'erano delle dimostrazioni e barricate ma nonostante l'alto volume dei megafoni tutto sembrava tranquillo.

Il giorno dopo, sempre a piedi, per goderci l'atmosfera della città e conoscerla un po' meglio, non soltanto i punti d'interesse turistico, siamo arrivati al Grande Palazzo, un grande complesso dove si trova la statua più famosa della Tailandia, Budda Smeraldo. La curiosità è che al Budda cambiano i vestiti in funzione della stagione climatica, 3 volte l'anno.

Tetto di una pagoda Grande Palazzo di Bangkok Illustrazioni sui muri dei corridoi Palazzo reale nel complesso del Grande Palazzo

Qualche centinaia di metri più a sud c'è Wat Pho, il più grande e vecchio monastero di Bangkok. L'edificio più visitato è sicuramente quello dove si trova una statua di Budda reclinato. Era pomeriggio e la stanchezza si accumulava, pertanto ci siamo concessi un massaggio dei piedi di mezz'ora, in uno dei centri di massaggio più famosi della città che si trova all'interno dell'area del monastero. Nel tardo pomeriggio il pranzo in albergo.

Il monastero di Wat Pho Budda reclinato lungo 46 metri Riposo Pensatore con due gatti

Uscita di sera nelle vicinanze, in una strada piena di locali e turisti; piacevole e riposante dopo una giornata faticosa, da turisti. Ci siamo concessi anche qualche specialità locale venduta nelle varie bancarelle. Ho assaggiato uno scorpione fritto e vi posso garantire che era ottimo, una vera prelibatezza.

Bangkok di notte Street food, scorpione fritto


L'atmosfera notturna di Bangkok

CAMBOGIA