Paesi di Boavista

SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
Paesi di Boavista
Sulle dune in quad
Nord di Boavista
Big game
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Sal Rei è il capoluogo dell'isola e da quando ha l'aeroporto, in grande espansione. La prima cosa che si nota sono i numerosi italiani che gestiscono le varie attività legate al turismo, tanti appartamenti in costruzione e in vendita. La strada che abbiamo fato a piedi dal nostro albergo al centro del paese è accostata da questi appartamenti e ci sono i lavori al porto che lo trasformeranno in un "portone" che potrà ricevere le navi da crociera (che orrore). A parte quello, che sarà il futuro dell'isola, Sal Rei è ancora un posto tranquillo con meno di due mila abitanti ospitali e sorridenti. I venditori di souvenir sono quasi tutti senegalesi ed i negozietti di merce varia sono gestiti dai cinesi. Abbiamo visitato il piccolo mercato municipale. I prodotti provenienti dalla loro terra sono pochi; papaya, un po' di fagioli e al piano di sopra l'artigianato locale, ceramiche di Rabil (laboratorio di cui si può anche saltare la visita) i quadrettini di sabbia e le collane di cocco colorato.

La piazza principale di Sal Rei Mercato municipale

I ragazzi del Marine Resort ci hanno portati alla messa domenicale nella chiesa che si trova sull'entrata della piazza centrale (in piazza c'è anche un'altra chiesa). Oltre alla partecipazione ad una cerimonia allegra, cantata e molto particolare abbiamo contribuito con i soldi raccolti a piastrellare l'asilo nelle baraccopoli. Bella iniziativa degli animatori, bravi!

Povoacao Velha è l'insediamento più antico dell'isola nella zona del sudovest. Ci siamo fermati là andando alla Praia de S.Monica. E' un bellissimo paesino dove regna la calma nelle stradine deserte. Le case sono piccole e colorate e al bar dove abbiamo preso il caffe i muri erano abbelliti dai poster di Jovanotti, Tom Cruise e altri personaggi dello spettacolo dall'epoca degli anni ottanta. Il tempo non scorre con la stessa velocità nei posti diversi, lo diceva anche Einstain.

Paese di Povoacao Velha, dove regna la pace I nostri quad parccheggiati nel centro di Povoacao Velha

Nel nord ci sono altri paesini dello stesso tipo e stessa atmosfera; Joao Galego e Fundo das Figueiras. Li abbiamo attraversati andando verso il faro del Morro Negro. Per fare questi spostamenti abbiamo preso un pick-up con l'autista perché non è facile orientarsi in un posto senza strade in mezzo al deserto.

Joao Galego Fundo das Figueiras Ragazzi giocano davanti alla scuola Casa tipica di Boavista

Morro Negro è una collina nera vulcanica e magnetica dove la bussola non funziona come dovrebbe, c'è uno spostamento di non so quanti gradi. Per questo motivo ci sono tante navi naufragate intorno all'isola che per gli abitanti del passato significavano rifornimento dei prodotti alimentari. In un'altra storia si narra che legavano la lanterna alla coda dell'asino per far naufragare la nave e che da un carico della merce trasportata hanno vissuto per un anno intero.

Faro del Morro Negro Vista dal faro sull'Oceano Atlatico

Sulle dune in quad