Dubai

dal 21 al 24 Marzo 2013
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
Muscat
Wadi Shab
Dubai
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Considerando la distanza di 400 chilometri tra Muscat e Dubai, percorribile in tempo tra le 5 e le 8 ore (incertezza dovuta alle frontiere) in pullman, non avevamo dubbi che è ottima soluzione per noi. Ci piace usare i mezzi pubblici con i quali si sposta lentamente, ma si vedono i posti che si attraversano. Arrivare a Dubai attraversando il deserto che lo circonda è stata una bella visione nonostante il cielo nuvoloso. Lungo la strada si vedevano anche i cammelli che una volta avevano un ruolo importante per tutto il paese.

L'albergo Park Regis Kris Kin prenotato per tre notti era facile da raggiungere con la metro. Ottimo albergo a cinque stelle, ben posizionato con la piscina sul tetto che offre una vista fantastica, particolarmente bella al tramonto. Sapevo che Dubai era una specie di Disneyland, città che stupisce i visitatori e soddisfa i compratori. In effetti in inglese si scriverebbe Do Buy, che significa "fai compere". Il ritmo della città è molto veloce, le macchine su sei corsie che attraversano la città senza lasciare lo spazio per i pedoni. Un altro mondo totalmente diverso da Muscat di cui sentivo la mancanza.

In piscina sul tetto dell'albergo Park Regis Kris Kin Foto panoramica di Dubai di notte fatta dall’ultimo piano del nostro albergo Dubai di notte con un bicchiere di cognac in mano

Per la seconda volta nei nostri viaggi abbiamo usato il pullman turistico per visitare la città, Big Bus City Tour con due linee. Noi abbiamo fatto quella che segue la costa e la nostra prima fermata è stata la spiaggia pubblica Jumeirah con la vista sul famoso albergo Burj Al-Arab, a forma di vela che è diventato il simbolo della moderna Dubai. Accanto c'è Souk Madinat Jumeirah, un complesso molto bello in stile arabo di alberghi, ristoranti, negozi, circondato dai canali dove era piacevole fare una passeggiata e prendere un caffè.

L'edificio più alto del mondo Burj Khalifa (828 m) è senz'altro un posto da non perdere e possibilmente anche da salire al 124-esimo piano At the Top (442 m). Per quelli che non hanno fatto la prenotazione in anticipo, si possono acquistare i biglietti per salire immediatamente, al prezzo di Dh400 a persona, intorno a 80 euro.

Il famoso albergo a 7 stelle Burj Al-Arab Souk Madinat Jumeirah L’accesso all’isola artificiale a sagoma di palma
Vista dal 124-esimo piano di Burj Khalifa Noi due sulla terrazza panoramica di Burj Khalifa Il grattacielo più alto del mondo Burj Khalifa

Nelle vicinanze dell'edificio più alto del mondo c'è il centro commerciale più grande del mondo, il Dubai Mall. E' un grande parco di divertimenti per i grandi ed i piccoli, con pista di pattinaggio, acquario, zoo. La parte più bella, per me, in questa zona sono le Dubai fountain. Sedersi sui gradini di sera ed assistere allo spettacolo, mai visto prima, dove i getti d'acqua si muovono nel ritmo della musica e ballano ondeggiando e creando diverse forme, è indimenticabile. Trovare le parole per descriverlo non è facile per questo ho fatto il filmino.

Secondo giorno abbiamo dedicato alla parte vecchia di Dubai. A piedi, dal nostro albergo, era raggiungibile Bastakia Quarter, il quartiere storico, pittoresco, con le case tradizionali ristrutturate, i giardini fioriti, le gallerie d'arte, i negozi di souvenir. Siamo tornati la sera per la cena e per ascoltare i giovani musicisti che si esibivano in piazza.

La parte artistica della città è Bastakia l'insenatura chiamata Dubai Creek Una vetrina del famoso souk di oro La parte vecchia di Dubai vista dalla barca

Attraversare il Dubai Creek, l'insenatura dove si svolge il traffico di commercio e di passeggeri, in "abra" l'imbarcazione tradizionale in legno, il taxi d'acqua è stata una bella esperienza. Dall'altra parte c'è l'attrazione principale della zona vecchia, vari mercati, i souq di spezie, d'oro, suq della frutta e verdura, il mercato di pesce. Tanti prodotti in vendita offerti dai venditori iraniani, pakistani, indiani. Non mancano i colori, odori, suoni, la gente qui sembra più vera di quella che gira nei centri commerciali. La vita vera senza decorazioni.

OMAN e DUBAI