Pietro il Grande

SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI
CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
Pietro il Grande
Puskin
Prospetto
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI
La fortezza di Ss. Pietro e Paolo è situata in una piccola isola, una volta chiamata l'isola delle Lepri. E' stata il primo insediamento della futura San Pietroburgo. Quando siamo arrivati là non c'era quasi nessuno e la cattedrale di Ss. Pietro e Paolo era chiusa. Il mercoledì è un giorno di chiusura per quasi tutti i monumenti. Mi è dispiaciuto tanto, avrei voluto vedere 33 tombe dei Romanov. Passeggiando per la fortezza ci siamo imbattuti in un gruppo di poliziotti tutti in riga davanti al loro comandante che chiamava loro uno ad uno, "il compagno..." e consegnava la medaglia. Sembrava una scena vista nei vecchi film.

Fortezza di ss. Pietro e Paolo       Pesca sulla Neva ghiacciata       Nave ristorante sulla Neva

Nelle vicinanze si trova la Casetta di Pietro il Grande, una piccola casetta in legno, il primo edificio della città, assolutamente da vedere. Pietro il Grande ha trascorso un paio di settimane in questa casa composta da tre stanze. Gli serviva questa umile dimora mentre costruiva il suo palazzo. Pietro era consapevole dell'importanza storica di questa casa ed è stato lui a ordinare la protezione fatta in modo che è stata costruita una casa con i mattoni intorno alla casetta di legno. Lui ha avuto una visione straordinaria della città che ha deciso di fondare in un luogo terribilmente crudele. Costruirla non è stato per niente semplice. Il terreno paludoso richiedeva una grande maestria e a volte anche grandi quantità dei tronchi d'albero per solidificare le fondamenta. Niente poteva fermarlo, la sua città doveva essere la più bella, la più grande città di tutte le città conosciute in quella epoca. Ha chiamato i più grandi architetti, tanti italiani hanno lasciato la sua firma; Rastrelli, Rossi, giusto per dire due nomi.

Devo ammettere che Pietro il Grande mi affascina molto. Ho visto la sua sedia di legno fatta con le sue mani, una barca fatta da lui. Era un uomo di grande conoscenza, un sovrano illuminato. E' stato immortalato nei numerosi dipinti e nelle sculture di ogni genere. Il simbolo di San Pietroburgo si trova in Piazza del Senato, è il monumento che rappresenta Pietro sul suo cavallo. Davanti c'è la Neva e dietro la cattedrale di S. Isacco, una cornice perfetta per un grande monumento fatto in memoria di Pietro il Grande.

La prima casa di Pietro il Grande in San Pietroburgo       Studio di Pietro il Grande

A proposito delle dimensioni della città in generale; tutto è grande, molto grande. Le strade sono larghe e lunghe. Prospettiva Nevskij è lunga 4,5 chilometri e c'è ne sono diverse altre strade lunghe. Un intero blocco di edifici, anche quello molto grande, porta un numero. Non è mai vicino l'indirizzo che cercate, sembra dai numeri, ma non lo è in realtà. Ho camminato tanto, come al solito, e non sempre perché avevo voglia di camminare. Già il secondo giorno non mi entravano i piedi nelle scarpe. Con il freddo che faceva non mi si potevano gonfiare i piedi dal caldo. Sarà che si sono ristrette le scarpe. Non so chi ha detto che se non hai consumato le scarpe, non hai conosciuto un posto. Condivido al cento per cento e cercherò di non lamentarmi ogni dieci chilometri con mio marito.

Puskin