Lhasa

Dal 28 Giugno al 2 Luglio 2013
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
Pechino
Xi'an
Lhasa
Verso Nepal
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Dopo quello che ho raccontato, per quanto riguarda le difficoltà di prendere il treno per Lhasa, la domanda che si pone è: valeva la pena? Per me è "si", mi piace tantissimo viaggiare in treno; ci si mette di più per raggiungere la meta ma fa anche parte del viaggio, non è solo uno spostamento. In treno si socializza, si incontrano più persone del posto che i turisti, si gioca a carte con gli amici... le immagini che scorrono dalla finestra ci avvicinano lentamente e dolcemente al posto dove andiamo. E' la prima volta per tutti, fare un viaggio in treno di 24 ore, e non era un viaggio facile; l'altezza che supera 4000 metri si è fatta sentire, mal di testa, nausea. Abbiamo visto il personale correre con la bombola dell'ossigeno perché un passeggero si è sentito male. Non era il tedesco ubriaco, era solo sbronzo, ma stava bene.

Anche noi cinque siamo arrivati in buone condizioni a Lhasa. Con il passaporto ed il visto per Tibet in mano ci siamo diretti verso l'uscita della stazione. L'ufficiale che ha controllato i nostri documenti ci ha fatto il segno di seguirlo. Ci siamo guardati un po' preoccupati, ma lui ci ha portati dalla nostra guida tibetana salutandoci con un sorriso... che sollievo, e che bella ragazza che ci attendeva! Si chiama Ksamsa, e come si usa in Tibet, ci regala le sciarpe bianche dandoci il benvenuto. Domani mattina verrà a prenderci in albergo e andremo a visitare il Palazzo Potala ed il tempio Jokhang.

Stazione ferroviaria di Lhasa è un edificio moderno, costruito negli ultimi anni Pausa per il pranzo con la nostra guida tibetana Vista dall'alta sulla parte vecchia della città di Lhasa, ben mantenuta

Le ultime pagine del libro "Il terzo occhio" di T.Lobsang Rampa, le ho finite giusto in tempo, prima del nostro arrivo a Lhasa. Lo consiglio vivamente, non solo a quelli che visitano il Tibet. Potala, residenza di Dalai Lama, domina dalla collina, tutta la vale. E' un palazzo imponente e guardandolo non potevo non pensare alla parte invisibile che c'è sotto e di cui ho letto nel libro. Un luogo misterioso, una grande caverna con il lago. Non voglio dire altro. Avevamo solo un'ora per visitare l'interno del palazzo, una piccola parte aperta per i visitatori. Questo luogo non ha più nessuna funzione ne religiosa ne politica, è diventato soltanto un museo cinese come testimonianza del loro potere. Abbiamo osservato Potala da diverse angolazioni, è visibile dappertutto e lo sguardo va sempre là. Sicuramente non siamo stati gli unici stregati dal Potala. Siamo tornati di sera al tramonto ed il cielo ci ha regalato uno spettacolo inaspettato dei colori, le nuvole con l'arcobaleno tra le quali è apparso un "occhio" turchese. A Medjugorje avrebbero detto che hanno visto la Maddona, era il mio commento da atea.

Potala, situata a Lhasa è il simbolo religioso e politico di Tibet Una torre all'interno del palazzo Vista notturna sul palazzo di Potala

Siamo passati davanti al Jokhang già la prima sera andando a cena a città vecchia. Seguendo i pellegrini che camminavano intorno al tempio nel senso orario guardavamo stupiti la gente che si prostrava a terra con le gambe legate, mani unite che alzavano verso il cielo per poi toccare tre punti del corpo, la fronte, il petto e la pancia. Grande importanza di Jokhang è che custodisce la statua di Budda Sakyamuni che la principessa cinese che ha sposato il re tibetano ha portato in dono. Il valore di questa statua è immenso perché, a quanto sembra, è l'unica statua integra di Budda fatta 2500 anni fa quando era ancora vivo, lo rappresenta all'età di vent'anni. Il tempio è del settimo secolo e lo stile architettonico unisce le varie culture; tibetana, cinese, nepalese, indiana. I tetti dorati, stradecorati con uno sfondo blu del cielo sono stati perfetti per scattare le foto ricordo di questo posto indimenticabile.

Entrata in Jokhang Una delle pagode dorate di Jokhang Quando si trova in un monastero bisogna dire una preghiera

Norbulingka è la dimora estiva dei Dalai Lama Un laghetto di Norbulingka La residenza estiva di Dalai Lama, Norbulingka, è un complesso di diversi palazzi in un parco molto curato, pieno dei fiori. Bell' posto per meditare con la tigre accanto come faceva il tredicesimo Dalai Lama. Abbiamo visto la tigre imbalsamata, morta lo stesso giorno con il suo padrone... che storia affascinante.

Drepung è il monastero più grande di Tibet Dipinto su una roccia sopra Drepung Tra gli altri monasteri nei dintorni di Lhasa che abbiamo visitati era il grande Monastero di Drepung, tra i più grandi in Tibet, che oggi è parzialmente ristrutturato e di nuovo in funzione, ma con il numero dei monaci molto ridotto.

Entrata in monastero Sera Dibattito teologico tra i monaci tibetani Monastero Sera è una grande attrazione turistica famoso per il suo cortile dove i giovani monaci si preparano con i suoi maestri per l'esame finale. La scena è molto suggestiva; il maestro in piedi, facendo la domanda al allievo seduto per terra, batte le mani accanto alla testa del allievo che immediatamente deve dare la risposta.

Monastero Pabongka Bianca sul tetto del mondo Il più piccolo monastero di tutti visti e sicuramente meno visitato era Pabonka. Mi è piaciuto particolarmente questo posto isolato, tranquillo dove siamo stati molto fortunati ad assistere alla preghiera dei monaci. E' un monastero del 7 secolo molto importante per il popolo tibetano e per me per i seguenti motivi: mentre riprendevo tre piccioni bianchi o sbattuto la testa e ho sentito la voce di un monaco che era dietro di me "Ooo", ho bevuto l'acqua della fonte e mi sono arrampicata sulla roccia bianca con il stupa in cima toccando il cielo con le mani. Era il mio l'ultimo giorno a Lhasa, non lo dimenticherò.

Verso Nepal