Shopping e flamenco

24 Aprile 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
Per le vie di Madrid
Shopping e flamenco
Mercatino
Segovia
Gironzolando
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Sabato era dedicato al quartiere Salamanca nella parte orientale della città, la prima zona di Madrid dove sono stati costruiti gli edifici per abitazione moderni, con i servizi igienici ed il riscaldamento, ma risulta che a quei tempi non avessero avuto grande successo. L'imprenditore che ha avuto questa idea alla fine ha fallito finanziariamente, ma il quartiere anche oggi porta il suo nome – Salamanca. Oggi è la sede di tutte le più famose marche di abbigliamento, e non manca proprio nessuno; da Armani a Vuitton, passando per Dolce & Gabbana e Chanel, ma caratterizzato soprattutto dalla presenza dei numerosi creatori spagnoli che presentano modelli dei vestiti molto colorati e giovanili. Il pranzo veloce in un bar e dopo visita ad un centro commerciale appena aperto, dove la cosa più bella era la vista dal balcone.

Negozio dello famoso stilista di scarpe Manolo, diventate famose grazie al seriale televisivo Sex and City Vista da un balcone di un novo centro commerciale

Visto che la notte si prospettava lunga, giorno prima abbiamo prenotato telefonicamente per uno spettacolo di flamenco che iniziava a mezzanotte, abbiamo passato il pomeriggio nel parco del Buon Retiro insieme con altre migliaia di persone che hanno deciso di passare la bella giornata primaverile nel verde di questa area molto estesa. Al centro si trova anche un laghetto dove si può affittare una barca a remi. Dopo un riposo ed un bichiere di sangria, ci siamo spostati dalla parte oposta della città, oltre il fiume Manzanares che confina la parte occidentale della parte storica di Madrid. Una bella passeggiata lungo fiume con migliaia di madrileni, senza presenza dei turisti ci ha fatto sentire parte della communità.

Il laghetto che si trova nel centro del parco del Buon Ritiro Ponte di Segovia si trova su fiume Manzanares a Madrid

Abbiamo deciso di cenare nel rione di La Latina, dove si trova anche il locale con lo spettacolo. La calle Cava Baja è sicuramente quella con la più grande concentrazione di ristoranti. Abbiamo scelto uno raccomandato della guida Lonely Planet, "La Chata", ed era il migliore pasto che abbiamo preso durante la nostra vacanza, con un prezzo di soli 20 euro a persona, inclusa una bottiglia di vino. Come antipasto abbiamo preso un toast, il primo era un piatto di ottimi peperoni ripieni e per il secondo ci siamo concessi la coda del toro, una specialità tipica madrilena. Tutti i piatti divisi in due erano più che sufficienti.

Per raggiungere il locale con flamenco abbiamo messo un po' di tempo in quanto la cartina che avevamo a disposizione non era molto dettagliata, ma siamo arrivati precisi. Un tavolo per due laterale al palcoscenico (quelli centrali erano per quelli che hanno scelto di cenare, che ci sembrava un po' esagerato a mezzanotte) con un drink a testa. Accanto a noi una coppia appena sposati dagli Stati Uniti che facevano la luna di miele in Spagna. Erano molto simpatici ed abbiamo fatto due chiacchiere. Lo spettacolo ha avuto inizio con un ballerino sui 30-35 anni, davvero fantastico ma, secondo il mio modesto gudizio, un po' poco classico; sembrava più un' esibizione da Ricky Martin che un flamenco tradizionale. Dopo di lui sul palco è salita Blanca del Rey, riconosciuta dai critici come l'attuale danzatrice di flamenco più brava di Spagna. Dopo una piccola pausa, era l'ora di tre ragazze un po' più giovani che hanno concluso lo spettacolo. Ecco un piccolo video con la danzatrice più carina tra queste tre ed anche molto brava.

Un breve video di flamenco

Lo spettacolo è durato due ore piene e a quell'ora non ci rimaneva che prendere un taxi per farci portare in albergo. Le strade anche alle quasi 3 di mattina erano ancora piene di giovani alla ricerca del divertimento.

Mercatino