Istanbul

Dal 26 al 28 Giugno e dal 9 al 10 Luglio 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
Van
Dogubayazit
Kurdi
Ani e Kars
Erzurum
Trabzon
Hammam
Kayseri
Cappadocia
Konya
Istanbul
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Eccoci di nuovo ad Istanbul dopo undici giorni che ci sembrano molti di più. Abbiamo fatto tanta strada come veri nomadi di una volta che oggi sono diventati turisti-viaggiatori. Siamo contenti e la nostra amicizia è ancora più grande perché abbiamo condiviso dei momenti bellissimi e superato le difficoltà come dei veri amici. Torniamo al nostro albergo dove abbiamo trascorso i primi due giorni per passare l'ultima notte ad Istanbul. Ormai conosicamo le strade e ci sentiamo anche un pò a casa.

>Terrazza del nostro albergo a Istanbul

Primi giorni ad Istanbul

I posti più importanti come Aya Sofia, Moschea Blu, la Cisterna sotterranea ed il Palazzo reale Topkapi li abbiamo già visitati perché non sapevamo quando tornavamo e quanto tempo ancora staremmo ad Istanbul. E' bello giorno per giorno, ora per ora fare il programma; essere liberi almeno in vacanza per me è d'obbligo.

Istanbul, Aya Sofia all'interno Istanbul, Aya Sofia dall'esterno Dervisci ballano accanto ad una fontana

Gran Bazar

La visita al Gran Bazar si fa giustamente prima della partenza per poter comprare ancora qualche regalino che manca. E' un posto decisamente molto turistico ma anche affascinante per via dei suoi vicoli dove è facile perdersi (un vero labirinto molto grande e molto affollato) Ho notato che i prezzi nei negozii fuori dal Gran Bazar sono un po più bassi che dentro, ma comunque il prezzo dipende dalla bravura di trattare, che non è il mio punto forte.

Entrata nel Gran Bazar Gran Bazar all'interno

Aldo non vede l'ora di portarci nel quartiere di Galata e non ci resta che seguirlo. Ci fermiamo in piazza dove c'è la Torre di Galata costruita dai genovesi nel IV secolo. Una volta era un carcere ed oggi un locale alla moda. Siamo vicino al ponte di Galata che oggi abbiamo attraversato in taxi e non potevamo vedere tutti i ristoranti sotto il ponte. Abbiamo visto solo tanti pescatori sul ponte. Di sera è un posto molto vivace e molto profumato di pesce grigliato. I camerieri ci fermano di continuo invitandoci a cenare da loro. Inizia a piovere forte, ma non ci da fastidio, è bello anche con la pioggia stare sotto il ponte e guardare la città illuminata di notte. Siamo lontani dal nostro albergo e l'idea di andare a piedi non mi sembra buona ma non ho scelta, devo farcela.

Crociera sul Bosforo

Il giorno dopo torniamo al ponte perché di là si prende la nave da crociera sul Bosforo. Facciamo la crociera e le foto questa volta le faccio io. Nel cielo ci sono delle nuvole pesanti, grigie, ma ogni tanto si intravede anche il sole - un buona premessa per fare delle belle fotografie. C'è una donna vicino a me vestita di nero, tutta coperta con una stretta fessura per gli occhi. Cerco con discrezione di farle la foto... c'è lo fatta! So che non è stato un gesto carino ma non ho potuto resistere.

Ponte di Galata su Corno d'oro Ponte Europa sul Bosforo Una mosche sul Bosforo Burqa tradizionale

Gatto di Van

Le nostre ultime ore ad Istanbul, il viaggio sta finendo e solo una cosa non è stata realizzata; non abbiamo visto a Van il gatto di Van, il famoso gatto turco, bianco con due occhi di colori diversi, uno azzurro e l'altro giallo. A Van ho comprato la cartolina con la fotto del gatto e ho fotografato il suo monumento. Ho sentito che è molto difficile vederlo, che peccato, ci speravo ma non sempre i desideri si avverano. Entriamo in un sottopassaggio affollatissimo e là cosa vedo? Noooo, non può essere vero è decisamente troppo; trovare il gatto di Van in un sottopassaggio ad Istanbul in una scatola di cartone che teneva un signore sotto il braccio. Eravamo stupefatti e la nostra gioia è esplosa con il grido: "Il gatto di Van!" L'abbiamo accarezzato e il mio desiderio si è avverato.

Il gatto di van detto anche il gatto di Allah

Fine della favola! Morale della favola: è inutile cercare, lasciatevi trovare!

TURCHIA