Konya

7 e 8 Luglio 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
Van
Dogubayazit
Kurdi
Ani e Kars
Erzurum
Trabzon
Hammam
Kayseri
Cappadocia
Konya
Istanbul
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Ero molto felice di andare a Konya, quanto in questo momento, mentre scrivo queste righe, sono molto triste perché ho saputa della morte di Gabriel Mandel Khan. Il nome di questo straordinario personaggio è legato a Konya, la città dei dervisci. Lui è un maestro sufi ed era khalyfa della Confraternita Sufi Jerrahi-Halveti in Italia. Prima del viaggio in Turchia ho visto un'intervista di Gabriel Mandel Khan su Internet e devo ammettere che sono rimasta colpita del suo essere e delle sue parole. Mi si è aperto tutto un mondo davanti che ho iniziato ad esplorare. Il sufismo, che cos'è? È un metodo islamico di perfezionamento interiore e la sua base è il Corano. Chi non è musulmano non può essere un sufi.

I dervisci sono monaci ed il loro fondatore era Rumi, detto Mevlana, il più grande poeta dell'Islam. Abbiamo visitato il Mausoleo di Mevlana, la meta del pellegrinaggio più che la meta turistica. Ho visto la gente commossa a camminare in un silenzio sacro davanti alla sua tomba. Anch'io percepivo in un modo, sicuramente diverso dai fedeli presenti, la sacralità del posto. Già sopra l'entrata al Mausoleo la scritta che dice che le persone che entreranno imperfette usciranno perfette è molto significativa. Fuori c'è un giardino delle rose e le donne vestite in un strano modo che lo coltivano. Il cielo è tempestoso, ma ancora con il sole.

Ragazzi che cercano di rinfrescarsi in una fontana di Konya Mausoleo di Mevlana

Torneremo stasera a cenare in uno dei ristoranti dai quali si vede bene questo posto magnifico con il suo minareto fatto di mattonelle verde smeraldo, il colore che rappresenta l'ultimo gradino del cammino spirituale.

Ihlara

Oggi ci aspetta un viaggio abbastanza lungo per tornare a Kayseri, ma visto che la strada è buona e Pino fa forte abbiamo un po' di tempo a disposizione per visitare il Parco nazionale di Ihlara, dove il fiume Melendiz ha scavato negli anni un profondo canyon e dove sulle pareti si trovano numerose chiese bizantine. Arriviamo all'ora di pranzo e troviamo i ristoranti situati sul fiume, nell'ombra degli numerosi alberi e pochissimi turisti. L'ambiente è molto bello e rilassante ed anche il cibo non è per niente male. Una sosta molto piacevole e Gino non ha perso l'occasione per rinfrescarsi nel fiume, stranamente tiepido.

Riposo nell'ombra Un ottimo pranzo Piccoli bungalow e ponticelli sull'acqua L'acqua era molto piacevole per immergersi

Istanbul