Kayseri

4, 5 e 8,9 Luglio 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
Van
Dogubayazit
Kurdi
Ani e Kars
Erzurum
Trabzon
Hammam
Kayseri
Cappadocia
Konya
Istanbul
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Oggi dobbiamo raggiungere Kayseri. L'opzione con la macchina è troppo costosa per noi e le ore di viaggio sono più o meno le stesse. Decidiamo di prendere il pullman che parte alle 10 e arriva alle 22. Siamo riusciti a prenotare l'albergo a Kayseri tramite il ragazzo della reception del nostro albergo. Ci sembra la soluzione migliore ed è stata una fortuna, al primo tentativo fare la prenotazione. Tutto va alla grande!

Il 4 luglio sarà una giornata memorabile, un viaggio di 12 ore in pullman. Ci prepariamo bene per affrontarlo, tanta frutta; banane, pesche, uva di Trabizonte. Le prime 10 ore passano in fretta; si chiacchiera, si legge, i paesaggi che ci accompagnano sono belli, il pullman si ferma spesso, ma il finale ci fa soffrire. Che sollievo, finalmente entriamo in città. Gli edifici ci passano accanto ma il terminal dei pullman non arriva mai. La città sembra enorme, è in effetti lo è, estesa nello spazio infinito.

Un bel paesaggio fotografato dal pullman sulla strada per Kayseri Centro della città visto dal terrazzo dell'albergo Le antiche mura costruite nei tempi quando la città si chiamava Cesarea

Raggiungiamo la città verso le undici di sera. Sembra deserta e nel centro non troviamo nemmeno un ristorante dove mangiare. Per fortuna c'è un fast food turco aperto e ci sfamiamo con il solito burek e yogurt. Arriviamo in albergo molto tardi (quasi mezzanotte). La posizione è ottima, in centro a due passi dalle vecchie mura che una volta circondavano l'antica Cesarea, ma la sistemazione non è gran che. Le camere puzzano terribilmente di naftalina e la mia anche di cose peggiori. Chiedo un'altra camera e spero di dormire. Dopo un po' perdo la speranza: fa caldo e bisogna aprire la finestra (l'aria condizionata non c'è) ma quando si apre la finestra c'è un rumore tremendo, e quando la richiudi fa caldo... 'Sti esseri umani, trovano sempre qualcosa su cui lamentarsi.

Al ritorno da Konya dovremo prenotare di nuovo a Kayseri. E ci andrà di lusso per quanto riguarda l'hotel. Un bel 3 stelle, con le stanze spaziose, condizionate e la cabina doccia con l'idromassaggio.

Cappadocia