Swaziland

Dal 26 al 27 Giugno 2011
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
Johannesburg
Soweto
Blyde River Canyon
Kruger
Night drive
Passeggiata
Safari
Video safari
Maputo
Swaziland
Cape Town
Buona Speranza
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Il passaggi da Mozambico a Swaziland era molto meno traumatico rispetto a quello in entrata a Mozambico. Era domenica e la frontiera era quasi vuota. Sono bastati 10 minuti per perfezionare tutte le procedure e dopo mezzo ora di guida ci trovavamo nella riserva naturale di Hlane Royal. La guida dice che ci sono tutti gli animali principali, ma noi non abbiamo visto quasi niente. Un paesaggio molto secco, le strade sterrate e ogni tanto ci si trova un cancello; occorre uscire dalla macchina ed aprirlo per poter proseguire, sperando che da qualche cespuglio non esca un leone. Abbiamo fatto una sosta per mangiare un panino in unico campo aperto della riserva; esiste anche un altro che ci è risultato abbandonato. Appena fuori dal campo c'è un laghetto dove probabilmente presto di mattina e prima del tramonto vengono gli animali per abbeverarsi. Il modo migliore per vederli è proprio stare là durante quelle ore, ma noi non abbiamo previsto un pernottamento.

Entrata nel parco nazionale di Hlane Royal a Swaziland La terrazza del campo Hlane Royal La pelle di un coccodrillo intero; sembra quasi vivo

La strada ci è portato a città chiamata Manzini. Quello che si nota subito è la pulizia delle strade, niente a vedere con Maputo. Appena trovato l'alloggio per la notte presso una guest house, siamo tornati nel paese per la cena, ma visto che era domenica tutti i ristoranti erano chiusi e così ci è toccato un fast food, Nando's; tutto a base di pollo.

Il giorno dopo, era lunedì, ci siamo diretti verso il capitale di Swaziland, Mbabana, passando per la bellissima Ezulwini Valley, una valle molto pittoresca piena delle collinette. La prima sosta era in un piccolo paesino, sembra qualche migliaia di abitanti, Lobamba. Il paesino è piccolo, ma molto importante; là c'è il parlamento ed il principale stadio del piccolo stato. E proprio in quel momento, in quel stadio c'era raduno delle migliori compagnie di cheerleader di tutto il paese, ma anche dei gruppi scolastici che mantegono la tradizione dei balli tribali. Ci siamo goduti lo spettacolo per un oretta, prima di proseguire verso un'altra riserva naturale, Mantenga. All'interno della riserva c'è un villaggio dove la popolazione mantiene le tradizioni dei loro antenati.

Gara delle cheerleader di Swaziland Foto di gruppo con i ragazzi che partecipavano nella gara dei balli tribali Un gruppo scolastico sta per esibirsi in gara Il maestro di una scuola ha accompagnato i suoi alluni

Abbiamo assistito alle danze tribali, molto suggestive e ritmiche e siamo stati anche coinvolti. Finito lo spettacolo, il capo della tribù ci ha fatto fare un giro all'interno del villaggio spiegandoci il loro modo di vivere e le loro antiche usanze, rispettate in buona parte anche oggi. Un uomo può prender più mogli, tante quante può mantenere economicamente e per ogni moglie deve costruire tre cappane: una per dormire, una per cucinare e una come soggiorno. La prova che l'usanza di poligamia è rispettata anche oggi è il fatto che il re swazilandese ha 12 mogli, ma quello precedente ne aveva oltre 100 (ecco come nel tempo si perdono le tradizioni oppure, mi chiedo, le mogli di oggi spendono di più rispetto a quelle di ieri). A poche centinai di metri dal villaggio si trova anche una cascata. L'entrata che comprende tutto costa 15 euro e direi che vale ogni centesimo.

I balli tribali nel villaggio Stregone del villaggio si esibisce in una danza Il gruppo è composto dalle donne e dagli uomini L'espressione di uno dei partecipanti

Un primo piano delle facce delle due ballerine Il villaggio turistico di Mantenga dove vivono i ballerini che si sono esibiti per noi Noi con il capo villaggio che ci ha fatto da guida Questo babbuino ci aspettava all'uscita

Proseguiamo sulla strada statale MR3 e arriviamo a Mbabane, la capitale dello Swaziland. Abbastanza grande e parecchio affollata; abbiamo perso un po' di tempo per trovare un parcheggio. Soliti negozi e mercatini, diffusi anche sui marciapiedi dove si vende la roba usata. A due passi inevitabile centro commerciale, in pieno contrasto con le scene che si vedono sulla strada.

Il parlamento di Swaziland si trova a Lobamba Mercato degli artigiani nella capitale di Swaziland, Mbabane Non ci credo, non ha comprato niente Una strada di Mbabane dove sui marciapiedi si vende tutto

Durante la nostra visita a villaggio turistico eravamo in compagnia di una coppia sudafricana che ci ha informati che sulla strada ci sono tanti lavori e che ci si mette 2-3 ore in più per arrivare a Johannesburg. Per questo abbiamo deciso di cercare un pernottamento in Sudafrica, per esser più vicini domani all'aeroporto di Joburg da dove partiva il nostro volo per Cape Town.

Siamo tornati in Sudafrica e ci siamo fermati per la notte in Ermelo, unico paese che offriva servizi turistici che abbiamo trovato per la strada. Una cittadina dove si sentono fortemente le radici dei primi colonialisti olandesi, Afrikaner, che sono anche i padroni dell'alloggio Khokha Moya dove abbiamo pernottato. Faceva molto freddo ed il piccolo radiatore elettrico non riusciva a scaldare la stanza più di tanto, ma nel letto c'era la coperta termica. Ma siamo in Africa?

Cape Town