La pelle fredda

di Albert Sanchez Pinol
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
Guida galattica
La pelle fredda
L'eleganza del riccio
Custode di mia sorella
Lontano da Cuba
Correndo con forbici
Ero dietro di te
Maestro e margherita
Ozio come stile di vita
Pastorale Americana
Ali Banana e la guerra
Ogni cosa è illuminata
Uomini odiano donne
Ragazza che giocava
La regina dei castelli
Castelli di rabbia
Hanno tutti ragione
Zia Mame
Quattro casalinghe
Contro l'amore
La danza delle realtà
Vari libri
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI
CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Titolo dell'originale: La pell freda, 2002
Letto nel Aprile 2009

copertina del libro La pelle fredda Il protagonista del libro racconta la storia in prima persona. E' un combattente per l'indipendenza dell'Irlanda. Dopo che l'Irlanda aveva raggiunto la tanto desiderata libertà, lui, che ha combattuto in seconda linea come organizzatore della lotta, è fortemente deluso come vanno le cose. I governatori inglesi sono stati mandati a casa e sono arrivati quelli irlandesi, patrioti, ma per la gente comune non è cambiato niente. Le lotte politiche sono sempre le stesse e la vittima è come sempre il popolo. Qui c'è già un fatto curioso: lo scrittore è uno spagnolo e si mette nei panni di un irlandese.

Deluso dall'andamento delle cose, vagabonda per l'Europa e alla fine accetta l'incarico dell'ufficiale atmosferico in un'isola piccola, non abitata e sperduta nell'emisfero meridionale, non lontana dall'Antartico. Qui dovrebbe passare un anno per misurare gli eventi atmosferici. Arrivato sull'isola cerca l'ufficiale in carica al quale dovrebbe dare il cambio, ma questo non c'è. La nave che l'ha portato sull'isola se ne va ed arriva la prima notte che porta con se una grande sorpresa, lui scopre che non è da solo su quell'isola e la storia diventa particolare, fantastica e anche un po' erotica.

L'autore affronta molti temi morali della vita in generale, i nostri punti di vista preconfenzionati dalla civiltà nella quale viviamo, non sempre applicabili nelle diverse condizioni. Ecco un pezzo del romanzo che mi è piaciuto molto e che trasmette l'idea dello scrittore.

Tutti gli occhi guardano, pochi osservano, pochissimi vedono. Ora la guardavo cercando umanità e trovavo una donna. Né più, né meno, né meno né più. Erano piccole cose ad abbattere le barriere: lei sorride, è mancina per convinzione, non mi sopporta quando la seguo e la inseguo e si accovaccia per orinare. Una donna, in conclusione, che traduce in pratica l'idea così europea dell'altrui ridicolaggine. Io sono il ridicolo che la giudica ancora secondo il metro di un bambino che ignora le regole dell'età adulta. Prima convivevo con un animale qualunque progresso di civiltà era collegato all'addomesticamento. Ogni nuovo giorno accanto a lei, ogni ora d'osservazione attenta, riduceva le distanze a velocità prodigiosa. Ciò che era stato solo presenza diventava convivenza. Quanto più frequenti erano i miei contatti, tanto più mi costringeva a rapportarmi con lei in una tranquilla quotidianità. Trasformava i sensi in strumenti affinati e così facendo, interpretandola cioè in una qualunque forma che non fosse quella animale, lo scenario si trasformava come per effetto di una pozione magica. E lei apparteneva a un mondo. Lei era loro.

L'eleganza del riccio