Pastorale Americana

di Philip Roth
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
Guida galattica
La pelle fredda
L'eleganza del riccio
Custode di mia sorella
Lontano da Cuba
Correndo con forbici
Ero dietro di te
Maestro e margherita
Ozio come stile di vita
Pastorale Americana
Ali Banana e la guerra
Ogni cosa è illuminata
Uomini odiano donne
Ragazza che giocava
La regina dei castelli
Castelli di rabbia
Hanno tutti ragione
Zia Mame
Quattro casalinghe
Contro l'amore
La danza delle realtà
Vari libri
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI
CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
ALTRI

Titolo dell'originale: American Pastoral, 1997
Letto nel maggio 2010

Pastorale Americana è un romanzo straordinario, difficile da raccontare e non facile da "digerire". Scritto da Philip Roth apprezzato tanto da lettori e da critici che gli hanno assegnato il premio Pulizer nel 1998, è ritenuto da molti un capolavoro della letteratura moderna e personalmente condivido questo giudizio: è un libro che mi ha lasciato qualcosa in eredità. Il libro parla della vita in tutti i suoi aspetti ed i sentimenti che la accompagnano. La vita è quella di Seymour Levov è la racconta il suo compagno di scuola, diventato scrittore.

Nathan Zuckerman Seymour, soprannominato "lo Svedese" per il suo bell'aspetto, alto e biondo, era un ragazzo che tutti ammiravano; un atleta eccezionale, intelligente, paziente, sempre disponibile ed altruista, che ha sposato una ragazza del New Jersey, Dawn, che ha vinto il concorso della bellezza ed è diventata Miss New Jersey. Veniva da una famiglia ebrea benestante che da tre generazioni ha fatto la fortuna nel ambito della produzione dei guanti che lui ha continuato. Il sogno americano che per lo Svedese, che ama l'America con tutto il cuore, si è trasformato in incubo a causa di sua figlia Merry che odia l'America, i propri genitori e tutto quello che loro sono, che fanno e rappresentano.

C'è la guerra in Vietnam, le manifestazioni contro la guerra e il terrorismo. La società Americana sta vivendo un brutto momento e la famiglia dello Svedese una tragedia che la distrugge; Merry a soli sedici anni è diventata terrorista, ha ucciso una persona. Insieme a quella persona è morto nell'animo anche il padre che non si da pace e cerca, percorrendo ogni momento dalla nascita della figlia, la risposta alla domanda: perché è successo e qual'è la causa che ha scatenato tutto questo. La risposta non la trova, ma si rende conto che il suo mondo perfetto, che lui ha costruito, non è la realtà che lo circonda e le persone non sono quelle che sembrano di essere. Anche lo Svedese, nonostante il suo aspetto ancora bello e curato e la vita rifatta con altri figli, non è quello che sembra. Philip Roth scrive in un modo coinvolgente ed ecco un piccolo assaggio.

Che gli uomini fossero creature multiformi non era una novità per lo Svedese, anche se era sempre un po' uno choc doverlo constatare nuovamente ogni volta che qualcuno ti dava una delusione. Ciò che lui trovava stupefacente era il modo in cui gli uomini sembravano esaurire la propria essenza - esaurire la materia, qualunque fosse, che li rendeva quello che erano - e, svuotati di se stessi, trasformarsi nelle persone di cui un tempo avrebbero avuto pietà. Era come se, mentre la loro vita era ricca e piena, essi fossero, in segreto, stufi di se stessi e non vedessero l'ora di liberarsi del loro discernimento, della loro salute e di ogni senso delle proporzioni per passare all'altro io, il vero io: che era uno stronzo detestabile e completamente illuso. Era come se trovarsi in sintonia con la vita fosse qualcosa di accidentale che poteva capitare, certe volte, ai giovani fortunati; mentre, per il resto era una cosa con la quale gli esseri umani non riuscivano a rapportarsi.

Ali Banana e la guerra